Archivi per la categoria: Stampa

02_480_amsterdam-happy-family-araujoHappy Family (Amsterdam, 2014)Calendario Geca 2017 | Febbraio

Un intero anno dedicato alla bicicletta. Nel mese di febbraio, il calendario fotografico Geca affronta il tema della mobilità sostenibile.

Per muoversi, per fare sport, per trasportare merci e persone. In acciaio, in alluminio, in carbonio, in bambù. E’ la “macchina” perfetta. “L’uomo in bicicletta può andare tre o quattro volte più svelto del pedone, consumando però un quinto dell’energia” (Ivan Illich).

In città come Amsterdam, Copenaghen o Berlino la mobilità ciclistica si attesta su valori superiori al 30% e i benefici in termini di salubrità, diminuzione del traffico e dell’inquinamento e, perché no, di felicità sono altissimi.

Sfoglia il calendario online.

[La foto di ferbbraio è di José Araùjo, scattata ad Amsterdam nel 2014]

Annunci

450-calendario-geca-2016-lucas-cop

Quando abbiamo deciso che avremmo dedicato il calendario fotografico Geca 2016 al 70° della nostra Repubblica, ci siamo domandati in che modo avremmo potuto raccontare questa ricorrenza per immagini. Ci è stato subito chiaro che saremmo dovuti partire dalla Costituzione, entrata in vigore un anno e mezzo dopo il referendum del giugno 1946 con cui gli italiani scelsero la Repubblica, abbandonando la Monarchia. In particolare, abbiamo deciso di focalizzarci sui princìpi fondamentali, ovvero i primi articoli, dodici come i mesi dell’anno, che definiscono i valori su cui si basa la convivenza repubblicana.

A quel punto dovevamo selezionare delle immagini che fossero in grado di raccontare quei principi attraverso i volti e le storie d’Italia. Anche questa scelta è stata immediata. Il lavoro di Uliano Lucas ci appassiona da anni; ha attraversato questi decenni raccontando il lavoro, le lotte per i diritti, le guerre, le migrazioni, la dignità sociale degli ultimi (si pensi ai reportage sulla questione psichiatrica). Chi meglio di lui avrebbe potuto dare vita fotografica a quei dodici articoli? Così gli abbiamo presentato il progetto, che gli è piaciuto. E ha selezionato lui stesso le immagini che, secondo la sua sensibilità, meglio illustravano ciascun articolo.

Il calendario Geca 2016 è il risultato di questo percorso, un modo per celebrare non solo l’istituzione repubblicana, ma anche lo “spirito” dei costituenti, che hanno saputo scrivere un provvedimento legislativo tra i più avanzati del mondo attraverso un linguaggio preciso, ma comprensibile. In questi tempi per certi versi preoccupanti, le parole e i valori inseriti nella Carta rappresentano ancora oggi un motivo di speranza e uno stimolo per provare ad applicare ogni giorno quei principi, concretamente.

Clicca per sfogliare la gallery fotografica

 

cofaletti-banner-blog_KINDUSTRIA

Letti di notte, la notte bianca del libro e della lettura, torna anche questo 21 giugno. Una notte insonne e un po’ folle, piena di libri, editori, librerie e biblioteche, ma soprattutto di lettori che si trovano, si ritrovano e si incontrano nei tantissimi eventi che avranno luogo nell’arco della nottata più libresca dell’anno.

Quest’anno Geca partecipa a questa bellissima iniziativa con una mostra dei suoi #CofaLetti, ospitata per l’occasione allo spazio Kindustria di Matelica (in provincia di Macerata). Kindustria è una piccola libreria nell’entroterra marchigiano che ospita, per scelta, esclusivamente cataloghi di editori indipendenti e di progetto; uno spazio di lettura e di incontro che rappresenta un habitat ideale per i nostri packaging letterari. Durante la notte bianca, chiunque acquisterà tre libri di editori indipendenti potrà scegliere il suo CofaLetto da portarsi a casa.

Il programma della serata allo spazio Kindustria prevede presentazioni di libri, concerti e letture, come potete leggere cliccando sull’immagine qui sotto.

10403928_254158644707993_4891135521767447771_oBuona notte dei libri e buona lettura a tutti!

 

Double-Decker Bus, London 1972

Double-Decker Bus (1972)Calendario Geca 2014 | Giugno

Il caratteristico autobus londinese a due piani venne progettato e costruito dalla Associated Equipment Company (AEC) a partire dal 1954.

I Routemaster (questo il loro nome) avevano il motore anteriore e una pedana posteriore aperta. La produzione si concluse nel 1968, ma i veicoli rimasero in funzione fino al 2005.

Il 27 febbraio 2012 ha preso servizio il primo esemplare del nuovo modello − fortemente voluto dal sindaco Ken Livingstone − che richiama molti elementi dell’antico design, compresa la piattaforma posteriore aperta.

[Questa fotografia fa parte del progetto London Recalling]

Poesie stese FLMCinque giorni di libri, letture, concerti, incontri, voci e cultura “dal basso”. È questa la promessa degli organizzatori del Festival della Letteratura di Milano, giunto alla sua terza edizione e che si svolgerà dal 4 all’8 giugno.

La principale novità di quest’anno è il Salone della Piccola Editoria, dal 6 all’8 giugno presso i locali della ex-fornace di via Gola, sul Naviglio Pavese. Circa 40 editori indipendenti presenteranno ai visitatori la loro produzione: una rara occasione per toccare con mano il lavoro svolto da marchi editoriali di qualità.

Il Festival vero e proprio vedrà più di 140 appuntamenti sparsi per la città: si va dal “Noir ligure” alla libreria Scaldasole Books previsto per il 4 giugno, alla retrospettiva del Bizzarro Film Festival (il 6 giugno a Cubamilano); dalla “Milano in Bionda”, in cui il 7 giugno 34 scrittori si racconteranno nel tempo di una birra, fino alla festa di chiusura “Da Sud a Sud, difendere l’allegria” con musicisti specializzati nel repertorio musicale che va dal Rinascimento al Settecento. Gli eventi sono davvero tanti e di tutti i generi, consultabili sul programma ufficiale o sulla mappa.

Quest’anno Geca ha scelto di essere partner dell’iniziativa:  siamo infatti convinti che la piccola editoria indipendente sia un patrimonio prezioso. Il nostro paese ha un numero di lettori molto basso (meno della metà della popolazione legge almeno un libro l’anno) e un importante zoccolo duro di pochi lettori forti (più di 12 libri l’anno). Come ha ben sottolineato jumpinshark in un recente intervento, crediamo che una delle sfide più importanti sia quella di allargare la base di lettori forti, ovvero far leggere qualche libro in più ogni anno a chi oggi ne legge da 3 a 10. In questo modo molte più persone comincerebbero ad avere un rapporto stabile e non saltuario con i libri; per usare le parole di jumpinshark: “un’Italia con 15 milioni di persone che leggono almeno 10 libri all’anno sarebbe un Paese diverso, e migliore (cambierebbe meno un’Italia dove i 3-4 milioni di lettori forti leggono in media 10 libri in più)“.

Gli editori indipendenti mettono a disposizione una grande varietà di progetti, storie, riflessioni che possono contribuire a vincere questa sfida – possono, anzi potrebbero, perché hanno bisogno di una visibilità che non è sempre a portata di mano. È proprio su questa sana “bibliodiversità” (che il sistema editoriale italiano, pur con i suoi mille problemi, riesce a manifestare) che il Festival della Letteratura di Milano in questi anni ha acceso i riflettori, valorizzando le migliori esperienze.

Il lavoro da fare è tanto, ma ne vale la pena.

Oxford Street LondonOxford Street (1972)Calendario Geca 2014 | Maggio

Nei primissimi anni Settanta Oxford Street – la più famosa via dello shopping londinese – era anche la più pericolosa per i pedoni.

Pochi mesi dopo questo scatto, nel 1973, il Greater London Council decise di pedonalizzare in via sperimentale la lunga arteria commerciale. L’esperimento non durò, ma negli anni successivi il tema sarebbe tornato ciclicamente a occupare il dibattito pubblico. Oggi vi possono circolare solo bus, taxi e veicoli a due ruote.

Nonostante questo, la concentrazione di biossido di azoto è 4,5 volte più alta dei limiti imposti dalla UE.

[Questa fotografia fa parte del progetto London Recalling]

CofaLetti - Mostra a MilanoDopo gli appuntamenti di Cagliari e Ravenna, arrivano anche nella nostra Milano. Ma cosa sono, questi CofaLetti?

L’idea alla base dei CofaLetti” spiega Luigi Bechini, responsabile marketing di Geca Industrie Grafiche “è quella di realizzare delle parodie di packaging famosi, trasformandoli in una dichiarazione d’amore per la lettura e per i libri. Per oltre la metà degli italiani i libri sono oggetti praticamente sconosciuti (vedere i dati AIE sulla lettura in Italia). Noi siamo convinti che quando i libri diventano “oggetti” di uso quotidiano – come un pacco di pasta o un brick di latte − la qualità della vita migliora“.

L’appuntamento milanese si terrà negli ampi locali della libreria Egea di via Bocconi, dal 19 al 31 maggio. La casa editrice Egea, società editoriale controllata dall’Università Bocconi, è nata nel 1988 per documentare e diffondere la cultura economico-manageriale elaborata in ambito universitario. La libreria, con i suoi 700 mq, è un’importante realtà indipendente del panorama editoriale italiano.

La mostra dei CofaLetti, come già accaduto con le altre edizioni, è collegata a un’iniziativa per promuovere la lettura: ogni tre libri acquistati, i clienti potranno portarsi a casa “un pezzo” di mostra, potranno cioè avere in omaggio un CofaLetto contenente sfiziose sorprese letterarie (fino a esaurimento scorte).

Per chi non potesse venire a Milano, ecco una galleria dei CofaLetti esposti.

Poster mostra CofaLetti Milano Egea

Dopo la scuola (1972)Dopo la scuola (1972)Calendario Geca 2014 | Aprile

Il sistema scolastico inglese è stato caratterizzato da un forte decentramento fino al 1988, anno in cui l’Education Reform Act ha provveduto a introdurre programmi scolastici nazionali, pur mantenendo una marcata flessibilità.

L’obbligo scolastico va dai 5 ai 16 anni. L’istruzione di qualità non è tuttavia alla portata di tutti: fra i 100 migliori licei del paese, 87 sono privati e solo 13 pubblici.

Nel novembre 2013 è stata annunciata una nuova riforma del sistema che prevede, tra l’altro, più matematica: a cinque anni tutti i bambini dovranno saper frazionare per 1/2 e 1/4.

[Questa fotografia fa parte del progetto London Recalling]

Portobello-Market-London-1972Portobello Market (1972)Calendario Geca 2014 | Marzo

Nel 1739 l’ammiraglio britannico Edward Vernon sconfisse gli Spagnoli e conquistò la città caraibica di Puerto Bello, che l’anno successivo diede i lnome alla Portobello Farm, nell’attuale quartiere di Nothing Hill. Nel 1841 la vicina strada di campagna Green’s Lane venne ribattezzata Portobello Road.

L’area rimase agricola fino alla seconda metà del XIX secolo, quando i campi cedettero il posto a ferrovie, marciapiedi, case e botteghe artigiane.

Dalla fine del XIX secolo iniziò a tenersi un mercato, dove solo nel secondo dopoguerra comparvero i prodotti di antiquariato.

[Questa fotografia fa parte del progetto London Recalling]

Visitando Londra (1974)Visitando Londra (1974), Calendario Geca 2014 | Febbraio

Alla fine degli anni Settanta, circa 12 milioni di turisti si recavano ogni anno in Gran Bretagna; nel 2013 sono saliti a 33 milioni. La sola Londra attrae ogni anno circa 15 milioni di turisti, facendo della capitale britannica la seconda città più visitata al mondo dopo Parigi.

I francesi sono il gruppo nazionale più numeroso e rappresentano il 12% di tutti i turisti, seguiti da tedeschi (10%) e statunitensi (9%). Questi ultimi sono però quelli che spendono di più (13%).

[Questa fotografia fa parte del progetto London Recalling]